Reti inviolate e un legno a testa, finisce pari il derby d’Italia. Tutto rimane immutato compreso il distacco in classifica anche se alla Juventus avrebbe fatto molto comodo una vittoria per riaprire il campionato. Eppure la squadra di Allegri, che ha disputato un ottima gara, non ha saputo sfruttare le occasioni con Khedira e Cuadrado. Grande prova quella di Barzagli, un muro in difesa, meno quella di Morata e Marchisio. Pogba, dopo un primo tempo all’oscuro, si sveglia nel secondo ma non basta, neppure il cuore e l’anima di Zaza che è stato uno dei migliori in campo. Una gara dai due volti dopo un primo tempo in cui l’Inter ha tenuto bene il campo mettendo anche in difficoltà i bianconeri, e una ripresa in cui la Juventus ha dominato ma senza concretizzare le occasioni avute.

Tanti cartellini gialli, tra ovviamente quello rifilato da Valeri a Melo, e falli pesanti. Zaza e Marchisio sul taccuino dei cattivi insieme a Khedira, Chiellini, Miranda e Brozovic. Insomma, una gara molto fisica. Squadre che arrivano nel finale stanchissime e con poca brillantezza: all’Inter è mancato Icardi e alla Juventus Morata, i due uomini sotto ai riflettori, e il povero Cuuadrado che macina decine di chilometri a partita non basta. Inter-Juventus finisce 0-0.