Il Collegio di Garanzia dello Sport ha ricevuto un ricorso da parte della Juventus che si rivolge contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio, verso la decisione della Corte Sportiva di Appello FIGC di cui al C.U n.7/CSA stagione 2015/2016, comunicato nel giorno 3 agosto, con cui, la riforma della sentenza del Giudice Sportivo presso la Lega Serie A, è stata comunicata alla società Juventus la sanzione di obbligo secondo il cui disputare una gara con il settore dello Juventus Stadium denominato “Tribuna Sud” a porte chiuse, oltre ad un’ammenda pari a 30.000 euro, a seguito dei seguenti fatti successi durante la partita Torino F.C – Juventus F.C, disputatasi allo Stadio Olimpico di Torino. La società Juventus chiede al Collegio di annullare la decisione presa, per mancanza e manifesta una illogicità alla motivazione nei punti inerenti alla responsabilità oggettiva della società Juventus, nonché per nullità della sentenza per violazione dell’art.4, comma, 2 CGS in relazione all’art.2 CGS.