I grandi passi li sta facendo anche lui, Daniele Rugani, anche lui appena arrivato alla Juventus. Prima della sfida di Supercoppa, ecco alcune sue parole in un’intervista al Corriere dello Sport: “Sto cercando di abituarmi e inserirmi in fretta, il mister mi chiede più cattiveria. Chiellini può trasmettermi tanta aggressività, ma posso prendere qualcosa da tutti. Se mi volevano altre squadre? Ho letto qualcosa, ma nella testa avevo solo la Juve. Sapevo che volevano riprendermi e il mio obiettivo è stato quello di tornare. Mi sento pronto, spero di ripagare la fiducia. È difficile e ci vuole tempo, ma proverò a migliorare per essere scelto da Allegri. Indossare questa maglia è un grande orgoglio”. 

C’è chi già lo paragona a grandi leggende, ma per lui le idee chiare non sono un problema: “Come caratteristiche mi sento più vicino a Nesta. Romagnoli? Abbiamo caratteristiche simili, ma io sono destro e lui mancino. Non so se vale quella cifra, sono le valutazioni del mercato. Non sará facile giocare così giovane in una grande squadra, ma è stato allettante giocare in Serie A con l’Empoli: mettono sotto pressione un ragazzo e non permettono di farlo sbagliare molto, dal primo all’ultimo giorno bisogna pensare alla salvezza”. Queste sono le parole del difensore juventino.