Prima Squadra

Juventus-Chievo 1-1: la Juve non si sveglia

La partita tra Juventus e Chievo è finita in parità: 1-1. Tanto stupore all’inizio quando Allegri ha deciso di mettere Pogba in panchina, per far giocare Roberto Pereyra. E’ una scelta sbagliata, secondo molti: non si riesce a spiegare con certezza l’entrata del francese nel secondo tempo, al posto di Marchisio che non è in forma.

Il Chievo va in vantaggio già al 5′ minuto, con un tiro preciso di Hetemaj, tanto che Buffon non è riuscito a parare il pallino di gioco. E in quel momento il Chievo era andata a quota 9 punti. La Juventus a zero. Molti ci provano nel primo tempo: Hernanes, Bonucci, Pereyra e Dybala. Con tanti rimpianti.

Alla fine del primo tempo, Buffon va dai tifosi per chiedere loro di applaudire i bianconeri, invece di fischiarli, in modo tale da avere energia positiva. Sempre il capitano fa un miracolo su un’occasione da goal di Cesar. Si vede che questo inizio di campionato è nero e pure sfortunato. Pereyra supera Bizzarri, ma colpisce il palo e Dybala prende il pallone, tirandolo, ma va sopra la traversa. L’arbitro è confuso, tanto da negare un rigore alla Juve su un fallo di Dainelli su Pogba e poi annullare un gol al Chievo per una reciproca tirata di maglia da gioco tra Leonardo Bonucci e Bojstan Cesar.

Le cose cambiano per il verso giusto quando Allegri mette in campo Juan Cuadrado (al posto di Sturaro) e Mario Mandzukic (subentrando allo spagnolo Morata). Ci pensa Cuadrado con le sua velocità, di cui una è servita per farsi fischiare un calcio di rigore per fallo di Cesar. Il clivense era ammonito, ma l’arbitro lo ha “graziato” non espellendolo. A tirare il rigore è proprio Paulo Dybala, che si porta a quota due gol. Solo lui è riuscito a segnare in questo inizio di stagione preoccupante. Almeno il gol di Dybala permette di conquistare il primo punto dopo due sconfitte in altrettante partite. Partita utile per volare a Manchester senza doversi presentare all’appuntamento col City con quota zero in classifica.

Rispondi

Close