Riprende la Serie A con lo Stadium di Torino che ospita il Super Clasico italiano. Juventus e Milan in campo dopo la sosta con Allegri che ha dovuto far a meno di Khedira proprio a poche ore dal fischio d’inizio. Partita importante perchè Buffon festeggia i 20 anni di carrera dal suo esordio in un Milan-Parma, tra gli altri pali c’è un giovanissimo ragazzo che porta il nome di Gianluigi e a detta di tutti, viste le potenzialità, sarà il ‘Buffon del futuro’.

Il tecnico livornese schiera un 4-3-1-2 con Hernanes a supporto di Mandzukic e Dybala, in panchina Cuadrado, Morata e Bonucci. I bianconeri partono con il piede sull’acceleratore nei primi dieci minuti, imponendo da subito il loro gioco e possesso palla. Il Milan parte sulla difensiva e di fatto, le ripartenze sono vane, solo Cerci ha sprecato una ghiotta palla gol davanti al numero uno della Juventus che al posto di colpire di testa in porta l’ha giocata a centro area. La Juventus crea tanto ma con poca cattiveria, infatti sono state poche le occasioni da rete. Donnarumma si impegna solo una volta su punizione di Hernanes deviata da un difensore rossonero e un tiro da fuori area di Marchisio. Partita scialba e a ritmo basso nei primi 45 minuti per entrambe le squadra nonostante la Juventus abbia dettato il gioco per tutto il primo tempo.

Nella ripresa la Juventus cambia volto: Evra nella prima mezz’ora lascia il campo per un problema alla caviglia, al suo posto Alex Sandro e Hernanes non fa rientro dagli spogliatoi per un affaticamento muscolare. Tanti gli errori individuali per entrambe le squadre anche nel secondo tempo ma è sempre la Juventus a tenere testa ai rossoneri. Alex Sandro spinge molto sulla sinistra ed è suo l‘assist vincente al minuto 65 che serve Dybala in area di rigore, stop e tiro per trafiggere Donnarumma. Nulla cambia nei minuti successivi, solo nel finale Cerci impensierisce Buffon con un tiro da fuori ma il numero uno della Juventus respinge con sicurezza.

Poco spettacolo in questo Clasico italiano, la Juventus comunque vince e sorpassa il Milan portandosi a quota 21 punti.