Juventus-Milan è una storia di tante partite, grandi gol, momenti emozionanti. Questo è il match che sabato sera avrà luogo allo Juventus Stadium alle ore 20.45. Una gara tra le squadre più nobili e vincenti del calcio italiano ed ogni anno si rinnova regalando gare esaltanti e spettacolari, con precisione dal 1929, l’anno della ‘prima volta in Serie A per le due compagini. Il Diavolo a Torino, la Signora a San Siro, 80 match disputati in Serie A, tra cui la metà circa vinti dalla Juventus, con esattezza 38, 21 invece i pareggi.

L’INIZIO – Nello stadio di Corso Marsiglia, l’8 dicembre del ’29, va in scena il ‘primo Juventus-Milan ella storia. Apre le marcature Tansini per i rossoneri ma come di tradizione, la Juventus si scatena con un doppio Orsi e gol di Zanni che fissano il risultato sul 3-1.

1931-1934, RAFFICHE DI GOL – Goleade a non finire tra bianconeri e rossoneri: 2-0, 3-0 e 4-0. Tre consecutive a favore della Signora: Orsi e Ferrani complici della prima vittoria nel 1931, Sernaggiotto e Borel II, con la doppietta di quest’ultimo regalano la seconda gioia per i torinesi nel 1933. Nel 1934 ancora Borel II, Sernagiotto e doppietta di Ferrari per l’indimenticabile poker. Che dire, non era il Milan a giocar male ma di fronte c’era la Juve del ‘Quinquennio d’Oro’.

‘PIETRUZZO’ IN ROVESCIATA – Nel 1970 il Milana viene sconfitto per 3-0 con la doppietta di Anastasi e gol di Leonardi. Ma a passare alla storia non è il risultato ma la fantastica rovesciata di Pietro Anastasi.

LAUDRUP E IL GOL SCUDETTO – Anno 1986, aprile. A Torino arriva il Milan in occasione della quattordicesima giornata di campionato mentre la Roma, diretta concorrente dei bianconeri, ospita il Lecce. Incredibile all’Olimpico della capitale: i salentini battono i giallorossi mentre a Torino bisogna aspettare 62 minuti per il gol decisivo per lo scudetto. Ed è Laudrup l’eroe..

laudrup-gol-milan1990, TRIS AL MILAN E COPPA ITALIA – Poche settimane prima della finale di Coppa Italia, la Juventus ospita il Milan che rispedisce a casa con un secco 3-0 firmato da Rui Barros e dal doppio Schillaci. Poi ci penserà Galia a regala re la Coppa ai bianconeri..

IL POKER DEL ’98 – Al Delle Alpi solo grandi nomi: il Milan di Boban viene affondato dalle doppiette di Del Piero e Inzaghi.

IL SIGNOR THURAM – Sono gli anni della grande Juventus e anche nel 2002 i rossoneri non hanno resistito all’armata piemontese. Inizia Di Vaio, poi Thuram con un gol pazzesco e speciale. Chi non se lo ricorda?

QUANDO CI PENSO’ ‘BRAZZO’ – Partita bella e altalenante quella allo Stadio Olimpico del 12 aprile 2008. La Juventus passa in vantaggio con Del Piero a 12 minuti dal fischio d’inizio, poi, in circa 15 minuti precisamente tra il 14′ e il 31′, Inzaghi ribalta la situazione. Ancora una volta però, i rossoneri si trovano davanti alla vera Juventus, quella che non muore mai e che sa resuscitare anche nei momenti più difficili: arriva ‘Brazzo’ Salihamidzic che pareggia i conti al 45′ e regala la gioia della vittoria a 10 minuti dal fischio finale. ‘Brazzo’ è rimasto nel cuore di tutti i tifosi, per intenderci, il Padoin di quei anni..

LA DURA LEGGE DEL ‘PRINCIPE’ – Un match da cardiopalma, giocato ai mille all’ora ma risolto solo nel finale. Era il 2 ottobre 2011, i bianconeri giocano in uno Stadium che è un autentica bolgia e proprio i padroni di casa più volte mettono in difficoltà il Milan ma senza trovare mai la via del gol. In pochi minuti accade di tutto: all’87’, dopo un rapido scambio in velocità, il Principino mette la palla alle spalle di Abbiati, sei minuti più tardi ci pensa ancora lui con un destro secco da fuori area al volo che mette fuori causa il portiere rossonero.

L’ULTIMA SFIDA – L’ultima gara della storia più emozionante è quella terminata 3-1 allo Stadium: Tevez, Bonucci e Morata. Un video per raccontare tutta la sua bellezza.