Prima Squadra

NEXTMATCH – Curiosità e statistiche su Juventus-Torino

Si apre con il botto l’undicesima giornata di campionato: alle 18 andrà in scena il tanto atteso Derby della Mole tra Juventus e Torino. Un derby dal sapore particolare visto che dal 1993 i granata non erano davanti ai bianconeri in classifica. Giusto dirlo, la Vecchia Signora è in crisi, il Toro sta calando ma come si suol dire ‘non ci son pronostici per i derby’. Esistono anche dei precedenti, a favore della Juventus: 64 i successi bianconeri, 41 i pareggi e 35 le vittorie di stampo granata.

PRECEDENTI – Ottobre porta bene ai bianconeri: solo due punti raccolti dal Torino nelle ultime 9 uscite fuori casa. L’ultima vittoria granata fuori casa è avvenuta nel derby dell’aprile 1995, terminato 2-1. Il Toro ha perso 3 dei 4 derby giocati in ottobre, un solo pareggio e non batte la Juventus dal 1983.

FOCUS ALLENATORI – Allegri non sta passando un bel periodo: 14esimo posto ingiustificabile, pochi gol, un gioco non degno da Juve e ritiro punitivo dopo la sconfitta con il Sassuolo. Il Conte-Max è in bilico e vincere il derby è il minimo per poi continuare con risultati positivi a partire dal turno infrasettimanale di Champions League. Allegri barcolla ma non molla.
Ventura se la ride, 3 punti sulla Juventus, anche se nelle ultime 4 uscite i granata hanno portato a casa solo 2 punti dati dai pareggi con Genoa e Milan. Il Toro però gioca bene e l’arrivo di Baselli ha messo ordine al centrocampo. Il tecnico vuole fare risultato per mantenere ancor più salda la panchina.

STATISTICHE, GOL E…EX! – Fuori casa il Torino è vulnerabile, quindi la Juventus, che ha perso solo una delle ultime 52 partite, deve approfittare dello stato di forma dei granata che arriva da due pareggi e due sconfitte. La Juventus dovrà fare attenzione tra il minuto 61 e 75 poichè 7 reti su 16 sono arrivate in questo lasso di tempo. Ma se a metà del secondo tempo i ragazzi di Ventura si gettano in avanti, è altrettanto vero che potrebbe essere il momento giusto per colpirli, infatti 7 gol su 15 sono stati subiti in questo lasso di tempo. In più i granata tendono a colpire nell’ultimo rettangolo di gioco dal quale sono stati realizzati 11 gol mentre quattro da fuori.
Nello scorso campionato Fabio Quagliarella ha segnata a tutte le ex 5 squadre che ha affrontato in campionato: Fiorentina, Juventus, Napoli, Sampdoria e Udinese. Nella stagione in corso ha trovato già il gol contro i blucerchiati e gigliati.

PORTIERI A CONFRONTO – Il Torino subisce almeno un gol a partita e infatti, Padelli è al momento il peggior portiere della Serie A per numero di gol subiti: 15. Ventidue le parate del’estremo difensore granata contro le 15 del numero 1 bianconero. La Juventus ha subito 9 gol ma solo 11 volte è andata a segno mentre il Toro ha incassato 15 reti contro le 16 realizzate.

EMOZIONI DA DERBY – Indipendentemente da chi giocherà e chi no, ci sono personaggi a cui il derby sta più cuore: Amauri, che in ogni squadra in cui è andato dopo la Juventus ha promesso il gol dell’ex senza mai riuscirci. Quagliarella ha segnato a tutte le ex 5 squadre lo scorso campionato e Moretti ha un lontano passato bianconero. Tra le file juventine, Marchisio ha segnato 3 reti in 7 partite, a nessuna squadra ha mai segnato di più. Anche Buffon sentirà il derby ormai da diversi anni. E chissà se sarà proprio il Principino, guarito dall’influenza, a decidere il derby..

PALLE INATTIVE E CONTRASTI – Il Torino è estremamente pericoloso nelle palle inattive con lo specialista nel gioco aereo Glik. I granata vanno in gol in media ogni 15 corner (è successo quattro volte quest’anno). Sulle palle inattive, quali punizioni di seconda, il Toro ha realizzato 5 reti su un totale di 16 (esattamente un terzo). La Juventus ha segnato finora solo dal dischetto; nessun gol da calcio d’angolo. Il Toro gioca un bel calcio dove il contrasto avviene solo quando ne è strettamente necessario, e viene solitamente vinto. I ragazzi di Ventura sono ultimi per numero di contrasti a partita ma secondi per il numero di contrasti vinti.

Andrea Bellini

Direttore de Giornale Bianconero

Rispondi

Close