Home Risparmio e Soldi Truffe agli anziani: ecco quali sono e come evitarle

Truffe agli anziani: ecco quali sono e come evitarle

Gli anziani sono quelli che subiscono sempre più spesso truffe e raggiri. Sono un semplice bersaglio dei malintenzionati,  specialmente quando abitano da soli. Il numero delle persone truffate, aumenta di anno in anno vertiginosamente. Spesso queste truffe, non vengono denunciate, perché subentra il senso di colpa di essere caduti nel tranello e si vuole evitare di essere considerati dai familiari, di non essere più capaci di gestirsi autonomamente. Di seguito vi elencheremo le truffe più comuni che subiscono gli anziani.

La truffa delle banconote

Il truffatore si presenta all’anziano dopo che questo è andato a prelevare i soldi all’Ufficio Postale o in banca. Gli si presenta, affermando di essere l’agente incaricato di controllare il numero di serie delle banconote appena prelevate. Durante questo controllo, scambia abilmente le banconote vere con quelle false.

Truffa del finto incidente accaduto ad un familiare

Una persona si presenta al telefono come un appartenente alle forze dell’ordine. Riferisce che un parente prossimo è  trattenuto in caserma perché ha causato un incidente stradale e che si sta recando da lui, un avvocato per riscuotere dei soldi necessari per pagare le spese legali da sostenere.

La truffa del pacco

I truffatori si presentano a casa della vittima, sostenendo di dover consegnare un pacco ordinato dai figli o da parenti. Per ritirare il pacco, viene chiesto di pagare una somma.

Falsi dipendenti dell’INPS, Enel, Telecom

I truffatori, cercano sempre di individuare un anziano che vive da solo e si introducono nella casa della vittima dando false qualifiche professionali. Sottraggono contanti, facendo firmare falsi contratti o inesistenti prestazioni a domicilio.

Ecco come evitare le truffe più comuni fatte agli anziani

Non aprire la porta di casa a sconosciuti, anche se vestono una uniforme o dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità.

Occorre verificare sempre, tramite telefono, da quale servizio/ente/azienda  siano stati mandati gli operai che bussano alla porta.

Nessun Ente manda personale a casa per il pagamento di bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date per errore.

Quando si fanno operazioni o prelievi in banca o alla Posta, cercare sempre di farsi accompagnare, soprattutto nei giorni in cui vengono pagate le pensioni.

Un ulteriore consiglio su come evitare le truffe più comuni fatte agli anziani è quello di fare in modo da far accreditare  le pensioni direttamente su un conto corrente, in modo tale da non dover prelevare i contanti, con il pericolo di essere derubati o raggirati.

Occorre tener presente che in genere il truffatore non è una persona violenta e, quando capisce di non avere speranze, perché gli vengono negate in modo deciso le cose che lui chiede, va via.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Coronavirus: i dati ufficiali del 23 novembre

Arrivati al 23 novembre, andiamo a vedere i dati ufficiali in Italia sul Coronavirus, con i numeri giunti in giornata al Ministero, relativi alla...

Teramo, GDF sequestra beni a Strada dei Parchi S.p.a

Intervento della GDF, la quale sequestra beni nei confronti di Strada dei parchi S.p.a, questo quanto emerge dalla Procura di Teramo nella giornata di...

Paternò, Ospedale: le Ultime Notizie sui lavori del reparto Farmacia

Secondo le ultime notizie, sono a buon punto a Paternò le modifiche ed i lavori per il reparto farmacia relativo allo storico Ospedale situato...

Coronavirus: i dati ufficiali del 21 novembre

Sono arrivati i dati ufficiali relativi alla situazione in Italia sul Coronavirus ad oggi, sabato 21 novembre, per verificare quali siano i numeri in...

Recent Comments