Notizie

Juve, per Howedes è troppo tardi? Ecco le strategie dei bianconeri

Howedes ha giocato la sua seconda partita in bianconero e messo a segno il primo gol, ma la buona prestazione di ieri potrebbe non bastare per far rimanere il tedesco in bianconero

Che non fosse un giocatore da Juve, nessuno lo aveva pensato: Benedikt Howedes porta con se anni di esperienza condita con il titolo di campione del mondo, oltre alla sua duttile e quindi molto apprezzata capacità di ricoprire più ruoli in difesa. Un bel Jolly, una pedina che quest’anno poteva fare comodo, se non altro per far rifiatare i titolari. Quello che si sapeva e che si pensava, invece, è che il tedesco fosse fragile fisicamente: il suo problema all’anca aveva infatti spinto lo Shalke a cederlo in prestito ai bianconeri, con riscatto opzionale in base alle presenze, fissate a 25.

Purtroppo i rischi di un giocatore non ancora al meglio fisicamente si sono concretizzati: Howedes infatti, fino a ieri, aveva messo piede in campo soltanto contro il Crotone. Poi una serie di infortuni aveva tristemente fermato le possibili utilizzazioni del difensore tedesco nelle varie competizioni.

Nonostante tutto, Howedes nella partita di ieri con la Sampdoria si è preso un pezzettino di questa stagione: alla seconda presenza ha firmato il suo primo gol in bianconero, dimostrando che se sta bene fisicamente può essere una pedina fondamentale per la Juve. Ma la Juve cosa farà con lui? Due presenze sono poche, e anche se il tedesco potrebbe risultare utile nel finale di stagione, la dirigenza bianconera dovrebbe sedersi a tavolo e valutare cosa fare. Quasi sicuramente il riscatto non verrà effettuato alle cifre pattuite in estate: 13 milioni sembrano troppi. Ma un acquisto a prezzo ridotto o un rinnovo del prestito potrebbero essere le vie giuste.

Juve, per Howedes è troppo tardi? Ecco le strategie dei bianconeri
3 (60%) 1 vote
Tag

Rispondi

Close